Caso Signor Guido R.

“Mio padre è stato sottoposto ad intervento alla cataratta. Tuttavia, lungi dal riportare miglioramenti del visus, ha subito un peggioramento della vista”, ci segnala G.E.P.. La cataratta è la principale causa di cecità trattabile presente in tutti i paesi del mondo e colpisce soprattutto persone sopra i 60 anni.

L’intervento, peraltro la pratica chirurgica più frequente insieme al parto, viene oggi eseguito con una tecnica chirurgica mini invasiva è divenuto con gli anni routinario e la stragrande maggioranza delle persone che si sottopongono all’intervento sono soggetti ad un miglioramento notevole della vista.

Ciò non esclude che in caso di esecuzione negligente o di una errata pianificazione, il peggioramento del visus costituisce senza dubbio un’ipotesi di risarcimento dell’invalidità permanente derivata, chiaramente in termini di maggior danno differenziale.

 

Leggi anche:

Sul punto la Corte di Cassazione, anche con la recente sentenza n. 11637 del 26.5.2014, ha stabilito che la colpevolezza del medico…
Un intervento sempre più frequentemente eseguito è quello di installazione di protesi all’anca. Spesso a causa di usura eccessiva dovuta…