Odontoiatria

Gli errori più frequenti commessi dal dentista includono:

  • Omessa diagnosi di carcinoma della bocca (carcinoma orale).
  • Omessa diagnosi di parodontite (piorrea).
  • Lesioni in seguito ad estrazione del dente del giudizio.
  • Lesione del nervo linguale durante la rimozione di dente del giudizio.
  • Lesione del nervo alveolare durante l’introduzione di impianti .
  • Danni o morte da errori durante l’anestesia.
  • Errori durante il trattamento ortodontico.
  • Errori durante la devitalizzazione del dente.
  • Errori nell’installazione di capsule e faccette dentali.
  • Infezione o ascesso causata da errori del dentista.
  • Infezione o ascesso non diagnosticata o non trattata correttamente.
  • Uso di materiali o prodotti difettosi.
  • Lesioni e/o infezioni della mascella o del viso o parodontite causati da errori nell’istallazione di corone, impianti e ponti.
  • Lesioni dell’articolazione temporomandibolare causati da trattamenti ortodontici.
  • Impropria somministrazione di antibiotici prima dell’intervento.
  • Perdita dell’impianto causata da errori di installazione
  • Impropria esecuzione dell’anestesia risultante in lesioni o morte.
  • Perdita del dente in seguito ad errori nell’otturazione.
  • Disallineamento dei denti o mal’occlusione causati da trattamenti errati.

 

Il diritto al risarcimento del danno si configura quando si verifichino contemporaneamente i seguenti presupposti:

  • Il dentista, nel curare il paziente, si è comportato in modo imprudente e/o imperito e/o negligente.
  • Il detto comportamento ha determinato al paziente una lesione o un mancato miglioramento.

 

Al fine di stabilire l’esistenza delle dette condizioni e l’entità economica del danno, la documentazione medica del paziente dovrà essere esaminata da un dentista medico legale e da un avvocato specializzato in responsabilità professionale medica.

Nel caso in cui la lesione subita dal paziente sia stata causata da errori commessi dal dentista, al paziente stesso saranno risarcibili i seguenti danni

  • Danno fisico.
  • Danno economico (spese sostenute per effettuare l’intervento o per le cure che hanno determinato la lesione; spese da sostenere per gli interventi e i trattamenti riparatori).
  • Danno morale.